LE NOSTRE INTERVISTE CON I MERANESI DOC

 

ELISABETH OBERRAUCH

Pittrice e artista di carta

GERLINDE AUKENTHALER

Guida diplomata
i paesaggio e natura

 

 

EWALD KONTSCHIEDER

Coordinatore dell’accademia
i Jazz Merano

 

 

 

DIMITRIOS PANAGIOTOPOULOS

Stilista di moda

 

 

STEFAN UND MANFRED KOFLER

Due giovani e
ntraprendenti gastronomi

 

 

 

ELISABETH OBERRAUCH

PITTRICE E ARTISTA DI CARTA

 

elisabeth-oberrauch.jpg

Lei pensa a Merano – quale oggetto d’arte Le viene in mente?
Storicamente – il teatro comunale di Merano
Attualmente – l’oggetto di Ulrich Egger in piazza Mazzini

In quali posti dell’Alto Adige scopre Lei l’arte?
Storicamente – centro storico di Bressanone, p.e. il chiostro con i freschi del 300 e 400
Attualmente – opere dell’arte contemporanea di Ivo Barth, in zona industriale di Bressanone

Qualche novità nel mondo dell‘arte, che ci vorrebbe svelare? 
Lanciato tre anni fa come piccola iniziativa di diversi artisti meranesi, oggi all’azione “studi aperti” nel primo fine settimana di ottobre partecipano tutto gli artisti di Merano
e l’evento commuove la città intera, a passeggio da uno studio all’altro.   

 

Quale esposizione non si può perdere questo anno?
Le due mostre a “Merano Arte”: Cindy Sherman (1.2. – 26.5.), Elisabeth Oberrauch „Naturalien-Kabinett“ , inaugurazione 2 maggio (2.5. – 2.6.)

Arte & natura: ci consigli una gita in giornata 
Il „Knottenkino“ a Verano di Franz Messner. D’estate il progetto „vor Ort“ a Fiè allo Sciliar, eventualmente guidato da Elisabeth Oberrauch, 
oppure il giardino d’arte „GO” nel giardino della Villa Oberrauch, a S. Konstantin/Fiè allo Sciliar (su richiesta).

Quando e dove a Merano ha detto l’ultima volta „Wow“?
All’inaugurazione della mostra di Cindy Shermann e Arnold Mario Dall‘O: una folla di visitatori appassionati all’arte. „Wow“ – vale la pena fare arte a Merano e di esibirla in questa città.


GERLINDE AUKENTHALER

GUIDA DIPLOMATA DI PAESAGGIO E NATURA

 

insider-hotel-angebot-gerlinde.jpg

Cosa si può vivere esclusivamente in Alto Adige?
Di mattina sciare e camminare in alta montagna, di pomeriggio rilassarsi in città in mezzo alle palme.

Quali posti bisogna assolutamente vedere a Merano e dintorni? 
La chiesetta di Sant’Ippolito a Tesimo: un posto incantevole dal quale si apre una vista spettacolare sull'intera vallata e i castelli dell'Adige.

In quali posti lungo dal tumulto delle località turistiche consiglierebbe ai suoi amici una gita
in giornata? 
Se sono amici allenati: ai laghi di Sopranes in alto e dietro le montagne meranesi.
Se sono amici un po’ più pigri: con la funivia al Monte San Vigilio.

 

Il posto migliore per un panorama indimenticabile?
Molto originale: il „Knottnkino“ a Verano. Indimenticabile: il Monte Pascolo nelle Alpi Sarentine dopo una salita di 3 ore

Dove si può la merenda perfetta?gustare
A casa dalla mamme. E poi, dappertutto; sono in tutti ad impegnarsi, perché hanno preso coscienza del prodotto e perché la concorrenza non dorme mai.

In quale valli e su quali masi si può trovare la ancora vita di una volta e l’autenticità?
In Val d’Ultimo ci sono i masi anneriti dal sole; in Val Senales la montegada delle pecore sui sentieri d’epoca, già percorsi da Ötzi.

Il Suo posto preferito nell’Alto Adige? 
Gli “stoanerne Mandln” - gli omini di pietra su 2000 m al Monzoccolo.

 


EWALD KONTSCHIEDER

COORDINATORE DELL’ACCADEMIA DI JAZZ MERANO

insider-hotel-angebot-ewald.jpg

Lei pensa a Merano – quale musica Le viene in mente? 
Come l’eco della vecchia tradizione di città di cura, sicuramente l’operetta. Come cultura contemporanea mi salta in mente la musica d’orchestra, lo Jazz e tutta la musica ad alto livello e di grande qualità. Dagli anni ottanta Merano ha sviluppato e una grande varietà con la quale ha acquistato molto.

Come trascorre Lei una giornata col sole a Merano? 
Basta uscire dalla porta, prendere la bici e pedalare lungo il Passirio, oppure camminare fino alle malghe “Wurzer” e “Vöraner” con vista spettacolare su Merano. Nella stagione più fredda amiamo fare una passeggiata lungo i castelli, partendo o al Castel Fontana lungo il Castel Tirolo a S. Pietro, oppure alle pendici di Val di Nova al Castel Goyen e Castel Labers.

Qualche novità per il Jazzfestival 2013, che ci vorrebbe svelare?
Finalmente un corso di canto Jazz con la giovane e abruzzese cantante Diana Torto, che è in tournèe con le leggende del Jazz Kenny Wheeler e John Taylor.

Il Suo punto d’incontro preferito per il „dopo concerto“.
Durante gli Jam Sessions dell’Academia del Jazz oppure durante i concerti Jazz la terrazza dell’Aurora, dove altro?

Quando e dove a Merano ha detto l’ultima volta „Wow“?
Ogni volta quando i grandi musicisti del Jazz, come Dave Liebmann e Dave Douglas, dopo la loro esibizione, continuano a suonare con tutta la passione e l’anima insieme agli insegnanti e partecipanti dell’accademia del Jazz. In questo momento sento, che la musica è vita condensata. Lì non basta più un “Wow”, ci vuole anche un “Chapeau”.  


DIMITRIOS PANAGIOTOPOULOS

STILISTA DI MODA

 

insider-hotel-angebot-dimitri-1.jpg

I Suoi migliori amici vengono a trovarla a Merano. Come si svolge il suo Best-Friends-Day?
Invito i miei amici al „Brunch“ all’Hotel Aurora, così ci godiamo anche il sole in terrazza. Di seguito propongo uno shopping-tour sotto i portici e una visita ai giardini di Castel Trauttmansdorff di pomeriggio. Come degna conclusione di una giornata perfetta li porto a cena al ristorante Culinaria a Tirolo; non vorrei mai privare i miei amici della vista mozzafiato e della cucina eccellente.

Quale significato ha Merano per lei e dove prende le sue ispirazioni?
Qui si trova il mio studio creativo, qui mi rilasso e trovo la pace per potermi concentrare sulla nuova collezione. Trovo l’ispirazione creativa durante i miei viaggi sia in paesi lontani, come anche nelle metropoli di Milano, Parigi, Londra.

 

Pensando alla sua patria Alto Adige, quale abbigliamento le viene in mente?
essun abbigliamento in particolare, qui c’è un mix di stili diversi.  

Dove ama lei stesso fare shopping? 
A Milano e a Londra e ultimamente, per motivi di comodità, anche online.  

Dove stanno i newcomer del mondo della moda in Alto Adige?
o mi sento a casa a Merano.  


STEFAN UND MANFRED KOFLER

DUE GIOVANI E INTRAPRENDENTI GASTRONOMI

 

insider-hotel-angebot-culinaria.jpg

Quando e dove avete detto  „wow“ a Merano ultimamente? 
urante la passeggiata primaverile nella “Gilf” e lungo il sentiero „Tappeiner“. La varietà botanica e la bellezza paesaggistica, il mormorio rilassante del fiume “Passirio”, il blu carico del cielo e le cime innevate emanano un gran fascino. Per noi un’ atmosfera magica: calma e pace in combinazione con energia e forza.

Qual è il vostro piatto preferito al vostro ristorante?
a nostra carte varia secondo l’offerta di stagione. Inventiamo regolarmente nuove creazioni innovative in combinazione con i prodotti freschi del momento. Un piatto classico è il nostro Beef Steak Tartar, condito e insaporito secondo una nostra personale ricetta. È uno dei nostri piatti preferiti, semplice, ma mai scontato.

Vino e architettura: in provincia ci sono tante cantine molto speciali. Ai vostri amici quali consigliereste di andare a visitare?
roprio nel campo dell’ architettura in Alto Adige abbiamo fatto passi da gigante. Ora, a parte la produzione di vini sempre eccellenti, si può anche assistere ad uno sviluppo interessante dell’architettura contemporanea nei luoghi di degustazione e delle enoteche.

 

Agli amanti e appassionati di vino consigliamo il percorso lungo la “strada del vino”,  oppure anche una visita alla cantina “Meran-Burggräfler” a Marlengo, che da marzo 2013 apparirà nel suo nuovo vestito architettonico, oltre a presentare i suoi fantastici vini del Burgraviato.

Dove si può trascorrere una serata chic dopo cena?
empre e con grande entusiasmo allo “Sketch”, lungo il fiume Passirio, dove viene proposto una vasta scelta di drinks e cocktails di alta qualità. Con buona probabilità si può anche assistere a eventi strepitosi, che attirano sia meranesi che ospiti.

Quale souvenir da mangiare e da bere consigliereste da portare a casa?
na bottiglia di spumante altoatesino, pane croccante „Schüttelbrot“ e speck stagionato, tagliato preferibilmente sul tagliere di Harry Thaler, designer altoatesino che vive a Londra